Proteggere i bambini durante i mesi invernali: come fare

I giorni a cavallo tra la fine del mese di gennaio e i primi di febbraio sono tradizionalmente chiamati ‘I giorni della merla’, e si pensa siano i più freddi dell’anno. Qui di seguito alcuni consigli utili non solo per affrontare i giorni di merla, ma per affrontare l’inverno nel modo più appropriato; sia che si tratti di una semplice passeggiata in città o di un’escursione in montagna.

Mai rinunciare a sport e passeggiate all’aria aperta

Con l’arrivo delle temperature fredde, i genitori hanno paura di lasciare i figli all’aria aperta, perché temono per la loro salute. In realtà, se ben coperti e portati fuori nelle ore centrali della giornata, hanno minori possibilità di essere esposti agli agenti infettivi. Aprire le finestre di casa per almeno 45 minuti al giorno. Anche i neonati possono uscire al freddo, purché correttamente vestiti e preferibilmente nelle ore più calde della giornata.

Come vestire i bambini in inverno 

In generale, i bambini devono essere coperti esattamente come una persona adulta e non di più. Solamente nei primi anni di vita possiamo vestirli un po’ di più  in quanto hanno minori capacità di termoregolazione. A mia figlia di tre anni in montagna metto body in cotone a maniche lunghe a contatto con la pelle, dolcevita in cotone o in lana a maniche lunghe, collant e overall impermeabile o tuta da sci. 

Per evitare i ‘malanni di stagione’, quando si è fuori casa, la prima forma di prevenzione è utilizzare un abbigliamento adeguato: mai dimenticare di far indossare cappello, sciarpa e guanti ai propri figli, se le temperature si abbassano. E’ importante, infatti, coprire orecchie e gola. Inoltre, se gli indumenti si bagnano giocando nella neve o sciando, vanno asciugati accuratamente e subito cambiati.

Applicare sulla pelle creme emollienti per difendere la pelle dall’aggressione del freddo (noi usiamo il balsamo antifreddo e antivento della linea Calendula di Weleda, che trovate qui) e utilizzare poi un olio post bagnetto per mantenere la pelle ben idratata (per esempio l’olio alla calendula di Weleda). 

Merende invernali

Specialmente al freddo, mai far saltare la merenda ai vostri bambini. Oltre che ad essere una buona scusa per una pausa, è anche un’occasione giusta per dare al loro (e al nostro) organismo ciò che abbiamo bruciato in precedenza. Via libera quindi a bevande calde, frutta e cioccolata.

In inverno si brucia di più 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *