Grossglockner Ultra Trail: il mio obbiettivo del 2019


Road to Grossglockner Ultra Trail

Sono sempre stata una persona sportiva e la mia passione continua anche da neo-mamma. Questa estate ho scommesso su di me ed armata di un paio di scarpe da trail, una bottiglia d’acqua e molta determinazione sono andata ad incontrare Anne-Marie. Da Personal Trainer, Runner ed Istruttrice Fitness cerco di investire continuamente nella mia formazione.  Mi piace scommettere su me stessa. Per questo ho incontrato Anne-Marie Flammersfeld. Perché voglio fare un ultra.

Anne-Marie Flammersfeld 

Anne-Marie Flammersfeld, diplomata in Scienze Motorie e ultra trail runner, è l’unica donna al mondo che nel 2012 ha vinto e corso in ogni condizione climatica possibile il Racing The Planet – 4 Deserts Series (250 km per ogni gara). Oltre ad essere il mio punto di riferimento, Anne-Marie mi supporterà in questo progetto fornendomi un piano di allenamento adeguato, in modo che io possa conciliare lavoro, maternità e tempo libero.

Chi meglio di lei potrebbe portarmi a raggiungere il mio obbiettivo?

Con la sua azienda All Mountain Fitness a St. Moritz, infatti, Anne-Marie si occupa di progetti sportivi e allenamenti individuali nella bellissima Engadina e non.

Il mio obbiettivo

Essere mamma e sportiva è una scelta, ma spesso comporta molti sacrifici e del tempo che spesso non ho.

Da oggi partirà la scommessa su me stessa: competere per il Grossglockner Ultra Trail in Austria. 48 km e 2000 metri di dislivello positivo mi aspettano. Da oggi Anne sarà il mio punto di riferimento lungo questi 12 mesi di allenamento, che mi separano dalla partenza per questa gara. Durante questo periodo realizzeremo una campagna di crowd-founding che ci permetterà di aiutare Paulchen Esperanza, un’organizzazione no-profit che si occupa di costruire scuole, fornire servizi e materiali a bambini in paesi in via di sviluppo.

In questo anno vi dimostrerò come da donna e mamma sia possibile, con costanza e buona volontà, arrivare a competere in una gara simile. 

Tappa intermedia sarà sicuramente la Limone Extreme questo Ottobre 2018 a Limone del Garda, in Italia. 

La mia motivazione 

Voglio sentirmi libera di fare qualcosa di straordinario. Voglio dare il buon esempio e dimostrare che volere è potere.

Il nostro corpo va ascoltato e se non lo facciamo siamo sciocchi. Ad un tratto bisogna mettere da parte  la pigrizia o la frenesia e decidere di prenderci cura di esso.  Penso alla gravidanza e a quanta attenzione gli riserviamo in questo periodo. Lo alimentiamo bene. Stiamo attente. Lo assecondiamo e gli diamo tutte le cure del caso e se lo strapazziamo troppo ci scusiamo con esso e cerchiamo subito di rimediare. Perché successivamente smettiamo di prendercene tanta cura? 

Pensiamo al fatto che è importante fare sport, perché muoversi fa semplicemente bene. Allunga la vita!

Fare sport serve a scaricare e a ritrovarsi, a socializzare e a uscire dalla sedentarietà. Fare sport ci porta a mangiare meglio, a dormire meglio e a migliorare il nostro umore. La mattina ho più energia anche prima del caffè. La sera sono sfinita ma ho il coraggio di uscire contro ogni previsione per fare il mio allenamento all’aria aperta perché so che dopo starò meglio e che quel sudore è vita. Quando esco dalla doccia sono davvero soddisfatta di me stessa e questa è  la cosa più bella di tutte!

Da oggi vi parlerò delle mie piccole conquiste e di questo bel progetto che spero prenda forma con tutte voi all’ascolto.

Il bello non è tutto nell’arrivo… godiamoci il percorso, insieme!

Chi l’ha detto che gli ultra trail runner siano solo uomini?